Defibrillatori

Italia Defibrillatori

Qualità e Convenienza. Marchio leader in Italia, sinonimo di qualità e convenienza. Ha saputo imporsi sul mercato dei defibrillatori grazie ad un approccio unico, che mette al centro il cliente e i suoi interessi. Lo dimostra il gran numero di Aziende e Istituzioni che in questi anni si sono rivolti a noi, con un grado di soddisfazione che sfiora il 100%.

Il caso ispiratore

L'aeroporto di Chicago L’aeroporto di Chicago è ritenuto il luogo al mondo più Cardio-Protetto. Grazie al posizionamento di un defibrillatore ogni 300m, alla formazione BLS-D di tutto il personale e ad un costante controllo dei defibrillatori, negli ultimi 10 anni, il tasso di sopravvivenza in caso di Arresto Cardiaco ha superato il 70%, contro un 3-5% del resto del mondo.

La nostra Mission

Salvare una Vita Fare di ogni luogo “l’aeroporto di Chicago”, in modo da garantire un’alta probabilità di sopravvivenza in caso di Arresto Cardiaco. Proviamo la più grande soddisfazione quando veniamo a conoscenza che una persona è ancora in vita grazie all’utilizzo tempestivo di un nostro defibrillatore. In quel momento abbiamo raggiunto il nostro scopo.

Servizi

Sapremo indicarti il defibrillatore più adatto in base alle Tue specifiche esigenze!

Impianti e Società Sportive

Defibrillatori specifici per lo sport


In Italia sono più di 1000 gli sportivi che perdono la vita ogni anno a causa di un arresto cardiaco improvviso verificatosi durante lo svolgimento della propria attività sportiva. L’utilizzo precoce del defibrillatore e delle corrette manovre di rianimazione potrebbero salvare una buona parte di queste persone.

Enti e Luoghi Pubblici

Defibrillatori specifici per ambienti pubblici

Università, scuole, uffici, stazioni, porti e aeroporti sono tutti luoghi in cui la presenza di defibrillatori e personale addestrato potrebbe salvare molte vite. Si parla tanto di città cardio-protette, dove è possibile trovare defibrillatori pubblici nelle piazze e principali strade. Alcuni esempi sono le città di Piacenza e San Remo.

Aziende e Ambienti Privati

Defibrillatori specifici per ambienti privati

Aziende private, strutture industriali, centri commerciali, ipermercati, grandi magazzini, alberghi, ristoranti, stabilimenti balneari, stazioni sciistiche, auditorium, cinema, teatri, parchi divertimento, discoteche, sale gioco e strutture ricreative. Ovunque c’è aggregazione occorre un defibrillatore e personale formato al suo utilizzo.

Emergenza e Strutture Sanitarie

Defibrillatori specifici per l'emergenza

Strutture sanitarie e sociosanitarie, poliambulatori, ambulatori, studi medici, dentisti, farmacie e mezzi di soccorso. I medici professionisti e volontari del soccorso necessitano di defibrillatori specifici in grado di supportare un pronto intervento ed eventualmente monitorare il paziente dopo l’utilizzo.

Il nostro blog

Qualche informazione in più e qualche articolo di settore.

Defibrillatori ovunque

Defibrillatori ovunque: l’appello per il ddl bloccato al Senato dal Covid-19

Le richieste
Una lettera per chiedere di cardioproteggere tutti i plessi scolastici per prevenire casi drammatici come quelli di giovani vite spezzate in classe come quelle di Anna di Padova di 14 anni, Vanessa di Salerno di 16 anni e Raffaele di Catania di 16 anni. Per chiedere che i defibrillatori siano ovunque, perché l’attacco cardiaco non ha stagioni. «Abbiamo sollecitato la diffusione capillare nelle scuole e nei luoghi di lavoro dei defibrillatori», spiega Marcello Segre, presidente dell’Associazione dedicata a Lorenzo Greco che con i suoi interventi nelle scuole ha informato 18.457 studenti sui rischi cardiovascolari, ha installato 507 defibrillatori e ha sensibilizzato 38.714 fra cittadini e studenti sull’uso del defibrillatore. E ha salvato molte vite grazie ai defibrillatori. «Abbiano anche chiesto – spiega Segre – che i prefetti sollecitino il coordinamento di forze dell’ordine e vigili del fuoco dotati di defibrillatori sui mezzi mobili per intervenire in modo integrato». E che i corsi sull’uso di defibrillatori siano semplificati e non soggetti a disposizioni regionali discordanti che hanno limitato «la diffusione della cultura dell’importanza della defibrillazione precoce, diminuendo conseguentemente la possibilità di salvare vite».

La squadra del cuore che ha salvato Andrea a Torino
E proprio grazie a uno di questi defibrillatori il personale docente e Ata del liceo “Giordano Bruno” di Torino ha salvato uno studente. Una scuola che aveva partecipato a un corso formativo e di aggiornamento per intervenire in caso di arresto cardiaco. E che, con il defibrillatore n. 250, donato dall’associazione e installato nell’aprile del 2016 nell’istituto, ha salvato Andrea, uno studente dell’ultimo anno che a gennaio di quest’anno ha avuto un arresto cardiaco. Una vera squadra del cuore nella scuola si è attivata chiamando il 112, iniziando il massaggio, utilizzando il defibrillatore. E consentendo ai sanitari di arrivare in tempo. Perchè i minuti che seguono un arresto cardiaco sono fondamentali per la sopravvivenza.

Perchè il ddl è bloccato
Perchè il ddl è bloccato? Sembrava che il Senato puntasse a una rapida approvazione. Invece si attende da nove mesi il via libera. Il disegno di legge approvato il 30 luglio 2019 dalla Camera è bloccato in commissione Igiene e sanità di palazzo Madama. Fermo nonostante avesse ottenuto già il 17 settembre 2019 un iter più rapido – la sede deliberante – a palazzo Madama. Ritardi legati prima al cambio di governo, e poi all’emergenza coronavirus, che ha causato uno stop dei lavori non legati alla decretazione d’urgenza. Tutta colpa prima del cambio di governo e poi della pandemia da Covid-19, spiegano al Senato. Pierpaolo Sileri (M5S), nominato viceministro alla Salute, ha lasciato il comando della commissione il 12 settembre 2019. Poi una vacatio lunga 5 mesi, tutta politica, per raggiungere l’intesa.

Esempio di training

La tabella di marcia è legata alla fine della pandemia
«Pensavamo di recuperare subito in febbraio lo stallo – spiega Stefano Collina, dal 5 febbraio 2020 presidente della commissione Igiene e sanità di palazzo Madama – riprendendo rapidamente i lavori dopo la vacanza della presidenza, ma l’emergenza Covid-19 ha bloccato i lavori e l’attività delle commissioni è riservata all’esame dei provvedimenti del governo. Appena ci sarà la ripresa abbiamo in programma la discussione generale per arrivare rapidamente al via libera di questo provvedimento e di quelli su fibromialgia ed epilessia». Anche se si vocifera di un cambio di relatore per il provvedimento (attualmente è la senatrice Caterina Bini del Pd).

Triplicate le morti improvvise
«La pandemia ha bloccato l’approvazione della legge», spiega Daniela Aschieri, cardiologa che ha promosso a Piacenza “Progetto Vita”, il primo in Europa a occuparsi di defibrillazione precoce per contrastare la morte improvvisa da arresto cardiaco. Dai dati, spiega Aschieri, «risultano triplicate le morti improvvise. Senza abbassare l’allerta sull’epidemia, non possiamo dimenticare le 65mila vittime che ogni anno perdono la vita per arresto cardiaco». «Ogni giorno che passa, è un giorno perso», dice Giorgio Mulè (Forza Italia), deputato e portavoce dei gruppi azzurri di Camera e Senato, che ha promosso a Montecitorio l’approvazione del ddl, trovando un’intesa bipartisan su una legge di civiltà. «Tardare ancora – sottolinea – significa condannare a morte o evitare di salvare centinaia di vite umane al giorno. Non c’è da attendere oltre».

Cosa prevede il disegno di legge
Il provvedimento prevede defibrillatori semiautomatici e automatici in ambiente extraospedaliero, a partire da scuole e università, ma anche nelle pubbliche amministrazioni, presso infrastrutture e mezzi di trasporto e gestori di servizi pubblici. Installati nel proprio territorio dagli enti territoriali con postazioni di defibrillazione ad accesso pubblico adeguatamente segnalate. In modo che tutti, tramite app, siano in grado di raggiungerli. Un sistema per combattere gli arresti cardiaci che causano morte e disperazione in tante famiglie italiane. Il ddl conferma che l’uso del defibrillatore è consentito anche al personale sanitario non medico e al personale non sanitario che abbia ricevuto una formazione specifica nell’ambito delle attività di rianimazione cardio-polmonare. Prevede anche una attenta formazione in ambito scolastico sulle tecniche di rianimazione cardiopolmonare di base, con le tecniche di primo soccorso. Costo dell’operazione: 2 milioni di euro annui, a decorrere dal 2020.

Si continua a morire per le malattie cardiovascolari
Nonostante l’attenzione sia puntata h24 sull’emergenza coronavirus, in Italia si continua a morire anche per le malattie cardiovascolari, che rappresentano la principale causa di morte nel nostro paese, responsabili del 37% dei decessi, seguite dalle neoplasie (29%). E se a causa del Covid-19 si è registrata in Italia una riduzione superiore al 50% dei ricoveri per infarto e sono in calo di circa un terzo le ospedalizzazioni per scompenso cardiaco, anomalie del ritmo cardiaco e disfunzione di pacemaker, sfogliando i dati dei decessi per coronavirus i numeri sono tutti lì, nelle comorbilità. Secondo i dati della Società italiana di cardiologia il 17% delle persone che muoiono per le complicanze del Covid-19 è costituito da pazienti oncologici, il 70% è iperteso, il 27% soffre di cardiopatia ischemica, il 22% di fibrillazione atriale, il 16% di scompenso cardiaco e l’11% di ictus. Ogni anno il 23,5% della spesa farmaceutica italiana (l’1,34 del prodotto interno lordo) è destinato ai farmaci per il sistema cardiovascolare. E le persone con patologie cardiovascolari in Italia sono ben 7,5 milioni. Intervenire tempestivamente può fare la differenza fra la vita e la morte. Perchè ogni 10 minuti di ritardo nella diagnosi e nel trattamento di un infarto miocardico grave, la mortalità aumenta del 3%, e un intervento successivo ai 90 minuti dall’esordio dei sintomi può quadruplicare la mortalità.

di Nicoletta Cottone
07 Maggio 2020

Apparso Su Il SOLE 24 Ore

http://amp.ilsole24ore.com/pagina/AD8zgxO

Tecnoheart Plus

DEFIBRILLATORE – TECNOHEART Plus 

Produttore: Mediana (Korea) in esclusiva per TECNO-GAZ (Italia)

Risultato immagini per Mediana (Korea) in esclusiva per TECNO-GAZ (Italia)

Realizzato in esclusiva per la ditta TECNO-GAZ Industries, produttore leader Italiano dal 1979 di prodotti per il mercato dentale, medicale, estetico, veterinario e sportivo.

Unisce l’innovazione e affidabilità della tecnologia “Made in Korea” alla sicurezza di un importante marchio italiano, un connubio unico!

Risultato immagini per Mediana (Korea) in esclusiva per TECNO-GAZ (Italia)

Estrema praticità perchè il manico è la batteria.

Questo prodotto di ultimissima generazione (200J), grazie ad un semplice selettore Adulto/Pediatrico, ha la particolarità di poter utilizzare le stesse piastre sia per bambini che per adulti, quindi un unico costo. Si accende aprendo il coperchio, ed è estremamente facile da utilizzare.

Si tratta di un prodotto di ultima generazione in grado di produrre 200J già dalla prima scarica. Il selettore Adulto/Pediatrico e il funzionamento molto intuitivo lo rendono adatto per qualsiasi utilizzo. Particolarmente indicato dove c’è presenza anche di bambini sotto gli 8 anni.

Selettore pediatrico e massima facilità di utilizzo.

Garanzia: 5 anni fornita dal produttore esclusi elettrodi e batterie

PERCHE’ UN DAE NELLO SPORT?

Defibrillatore nello sport

IMPORTANTE quanto è importante la presenza di un defibrillatore negli impianti dove si pratica attività sportiva è stata recentemente sottolineata dalla Legge 189 del 2012, conversione dell’ormai noto Decreto Balduzzi sulla sanità, e dalla successiva norma attuativa del 26 aprile 2013 che obbliga tutte le società sportive agonistiche e dilettantistiche a dotarsi di dispositivi di defibrillazione e di personale formato.

In Italia sono più di 1000 gli sportivi che perdono la vita ogni anno a causa di un arresto cardiaco
improvviso verificatosi durante lo svolgimento della propria attività sportiva.

Evidenziamo questi dati:

• Circa 1 persona ogni 500 è affetta da miopatia cardiaca, ossia da un anormale ispessimento della parete del muscolo cardiaco. Questa condizione, spesso non diagnosticata, può provocare il sopraggiungere di un arresto cardiaco improvviso durante lo svolgimento dell’attività fisica.

• La “Commotio Cordis” è una condizione nella quale il cuore smette improvvisamente di battere in modo regolare a seguito di un impatto violento del torace con un oggetto contundente, come il gomito di un avversario oppure una palla da gioco. Negli Stati Uniti è stata classificata come la seconda causa più comune di arresto cardiaco improvviso in atleti in età scolare.

• Si calcola che circa il 70% di tutti gli arresti cardiaci siano causati da una malattia coronarica pregressa. Purtroppo essa può essere asintomatica finchè il soggetto non svolge attività fisica e quindi essere successivamente la causa di un arresto cardiaco improvviso.

Un defibrillatore è fondamentale non solo dove si svolgono attività agonistiche o dilettantistiche, ma anche in strutture come

  • palestre,
  • scuole di danza,
  • centri diurni,
  • aree benessere
  • ed in ogni situazione dove possono essere svolte attività in grado di interessare l’attività cardiovascolare.

Tecnoheart Plus

DEFIBRILLATORE – TECNOHEART Plus 

Produttore: Mediana (Korea) in esclusiva per TECNO-GAZ (Italia)

Realizzato in esclusiva per la ditta TECNO-GAZ Industries, produttore leader Italiano dal 1979 di prodotti per il mercato dentale, medicale, estetico, veterinario e sportivo.

Unisce l’innovazione e affidabilità della tecnologia “Made in Korea” alla sicurezza di un importante marchio italiano, un connubio unico!

Il manico è la batteria.

Questo prodotto di ultimissima generazione (200J), grazie ad un semplice selettore Adulto/Pediatrico, ha la particolarità di poter utilizzare le stesse piastre sia per bambini che per adulti, quindi un unico costo. Si accende aprendo il coperchio, ed è estremamente facile da utilizzare.

Si tratta di un prodotto di ultima generazione in grado di produrre 200J già dalla prima scarica. Il selettore Adulto/Pediatrico e il funzionamento molto intuitivo lo rendono adatto per qualsiasi utilizzo. Particolarmente indicato dove c’è presenza anche di bambini sotto gli 8 anni. Selettore pediatrico e massima facilità di utilizzo.

Garanzia: 5 anni fornita dal produttore esclusi elettrodi e batterie

by Antonella Petit Bon

Samaritan P 350/500

SAMARITAN Pad 350P /500P  

Produttore: HeartSine (Irlanda) FDA Approved

Defibrillatore Samaritan. L’azienda produttrice HeartSine è stata fondata da John Anderson uno dei pionieri della defibrillazione extra-ospedaliera (1967), stiamo parlando di uno dei produttori più esperti ed affidabili al mondo.

Prodotto scelto da alcune delle più importanti istituzioni mondiali come la NATO, la CASA BIANCA e il PARLAMENTO EUROPEO vanta diversi brevetti che lo rendono unico, quali l’onda bifasica SCOPE che modula l’energia erogata in base all’impedenza offerta dal paziente e la cartuccia PAD-PAK che incorpora, in un’unica soluzione, sia gli elettrodi che la batteria.

La versione 500P è in grado di guidare l’operatore ad un corretto massaggio cardiaco dando indicazioni anche sulla efficacia delle compressioni toraciche (unico al mondo).  HeartSine ha costruito questo defibrillatore con materiali di altissima qualità, tanto da poter offrire ai propri clienti una lunga  garanzia di 10 anni (unico al mondo).

Si tratta di un prodotto di massimo livello,  piccolo e leggero (solo 1,1 kg), vanta il più alto grado di resistenza agli agenti esterni (IP56).  Prodotto indicato per cardio-proteggere qualsiasi tipo di ambiente e anche per essere facilmente trasportato. L’utilizzo del PAD-PAK permette di risparmiare tantissimo sui costi di gestione. La versione 500P è un po’ costosa ma il valore aggiunto è notevole.

Garanzia: 10 anni fornita dal produttore escluso il Pad-Pak

by Antonella Petit Bon